L'Amore è inventivo all'Infinito

La Famiglia Vincenziana comprende molti gruppi e associazioni che seguendo i passi di S. Vincenzo, desiderano continuare la missione di Gesù Cristo annunciando ai poveri la buona notizia dell'amore di Dio mediante una condivisione di vita e di cuore.

famvin

Tutto cominciò con Vincenzo de Paoli.

E' ben conosciuta da tutti, la gigantesca opera che San Vincenzo organizzò durante la sua vita dopo aver messo in marcia uomini e donne, giovani e adulti, ricchi e poveri del suo tempo.

In tutto un esercito di persone disposte a servire Cristo nei poveri e i poveri in Cristo.

San Vincenzo si mise in diretto contatto con i poveri ed inviò ad essi ogni persona che la Provvidenza mise nel suo cammino.

Così un giorno diceva a Santa Luisa:

"vada dunque, signorina, nel nome di nostro Signore. Prego la divina Bontà che l'accompagni, che sia la sua consolazione nel cammino, la sua ombra contro il calore del sole e il riparo dalla pioggia e dal freddo, soffice letto nella sua stanchezza, forza nel suo lavoro e finalmente la conservi in perfetta salute e piena di opere buone".

Come a lei San Vincenzo dall'anno 1617 fino alla sua morte, inviò molti sacerdoti, laici, uomini e donne a servire i poveri, perché in essi c'è Gesù Cristo, e servirli è amare Dio in modo perfetto.

Il carisma di San Vincenzo si è perpetuato attraverso gli anni.

Lo Spirito Santo continua oggi suscitando servitori dei poveri con stile vincenziano: si tratta di migliaia di laici che vogliono vivere la loro fede servendo Dio nella persona dei poveri, convinti che non possiamo assicurarci una migliore felicità eterna di quella di vivere e morire nel silenzio dei poveri, nelle braccia della Provvidenza e in una rinuncia attuale di noi stessi, per seguire Gesù Cristo.